martedì 27 dicembre 2011

Canzone per noi

Micia e Luna sono andate in un posto migliore, con Belle, Winnie e Marvin. Mentre noi siamo rimasti qui con i ricordi e i fantasmi. Semm de passacc...


Pulènta e galèna frègia e un fantasma in sôe la veranda
barbèra cume' petròli e anca la lôena me paar che sbanda
cadrèga che fa frecàss e buca vèrta che diis nagòtt
dumà la radio sgraffigna l'aria e i pensee fànn un gran casòtt
L'è mea vèra che nel silenzio dorma dumà la malincunìa
l'è mea vèra che un tuscanèll l'è mea bòn de fa una puesìa
in questa stanza senza urelògg bàla la fata e bàla la stria
in questu siit senza la lüüs che diis tücoos l'è duma' l'umbrìa
E scùlta el veent che pìca la pòrta cun in cràpa una nìgula e in bràsc una sporta
el diis che g'ha deent un el regàal me sa che l'è el sòlito tempuraal
E scùlta i spiriti e scùlta i fulètt che ranpèghen sôel müür e sòlten fôe di cassètt
g'hann sôe i vestii de quand sèri penènn i ne vànn e i ne vègnen cun't el büceer del vènn
E la candela la sta mai ferma e la se môev cumè la memoria
anca el ràgn sôe la balaüstra ricàma el quadru de la sua storia
la ragnatela di mè pensèe la ciàpa tütt quèll che rüva scià
ma tanti voolt la g'ha troppi bôcc e l'è tüta de rammendà
La finestra la sbàtt i all, ma la sà che po' mea na' via
e i stèll g'hann la facia lüstra cumè i ôcc de la nustalgìa
in questa stanza senza nissôen, vàrdi luntàn e se vedi in facia
in questa stanza de un òltru teemp, i mè fantasmi i làssen la traccia

Davide Van De Sfroos

(Polenta e gallina fredda e un fantasma sulla veranda, barbera come petrolio e anche la luna mi sembra che sbandi... seggiola che fa rumore e bocca aperta che non dice niente, solo la radio graffia l'aria e i pensieri fanno un gran casino... non è vero che nel silenzio dorme solo la malinconia, non è vero che un toscanello non è capace di fare una poesia, in questa stanza senza orologi balla la fata e balla la strega, in questo posto senza la luce che dice tutto è solo l'ombra.... E ascolta il vento che picchia alla porta con in testa una nuvola e in braccio una borsa dice che ha dentro un bel regalo mi sa che è il solito temporale.... E ascolta gli spiriti e ascolta i folletti che si arrampicano sul muro e saltan fuori dai cassetti indossano i vestiti di quand'ero piccolo e vanno e vengono con il bicchiere del vino.... E la candela non sta mai ferma e si muove come la memoria, anche il ragno sulla balaustra ricama il quadro della sua storia, la ragnatela dei miei pensieri prende tutto quello che arriva ma tante volte ha troppi buchi ed è tutta da rammendare... La finestra sbatte le ali, ma lo sa che non può andar via e le stelle hanno la faccia lucida come gli occhi della nostalgia, in questa stanza senza nessuno guardo lontano e mi vedo in faccia, in questa stanza di un altro tempo, i miei fantasmi lasciano la traccia...)




1 commento: